«In che cosa la mia vita si caratterizza per quella di un’anima consacrata al Signore, più precisamente consacrata a Cristo Re, nel mondo? (…) Ciò che può caratterizzarla non può essere altro che la continua vissuta presenza di questa realtà: il Signore Gesù, nonostante che avesse milioni di anime più generose, più serie e fedeli, più feconde della mia, ha scelto la mia per sua sposa».

 

( Cf. G. Dossetti, La coscienza del  fine, cit.  p. 47)

 

PAGINA PRECEDENTE
G. Lercaro, Omelia in occasione della prima Giornata mondiale della pace (1.1.1968)
torna sutorna su