«Certo noi abbiamo bisogno in tutto della più grande umiltà, di una grande capacità di ascoltare e di metterci alla scuola di fronte a tutti, perché rispetto a un mondo come questo, anche là dove noi crediamo di essere già in qualche modo informati, in verità non sappiamo ancora nulla e dobbiamo sempre ricominciare da principio come i bimbi che imparano le prime lettere dell’alfabeto». 

( Cf. G. Dossetti, Lettere alla comunità (1964-71), p. 279.)

 

PAGINA PRECEDENTE
G. Lercaro, Omelia in occasione della prima Giornata mondiale della pace (1.1.1968)
torna sutorna su